lunedì 9 luglio 2012

Pizzette da aperitivo Bimby

I piccolini stanno più o meno dormendo in attesa della successiva poppata ma, per farli dormire ho dovuto portare Noemi con me e metterla a riposare sulla sdraietta, nel lettino non voleva proprio saperne di restare...e così, magicamente si è addormentato anche il fratellino nella cameretta. Delle volte basta davvero poco.
Oggi vi presento delle pizzette, ottime per l'aperitivo...tolto il tempo di lievitazione sono davvero veloci da fare e buonissime: una tira l'altra!!!
INGREDIENTI (per circa 40 pizzette):
- 300g di farina per pizza Molini Rosignoli
- 300g di farina manitoba Molini Rosignoli
- 300g di acqua a temperatura ambiente
- 40g di olio extra-vergine d'oliva Dante
- 15g di sale
- 10g di zucchero
- 1 cubetto di lievito fresco


Per la farcitura:
- 1 mozzarella
- passata di pomodoro q.b.
- origano q.b.
- olio extra vergine d'oliva Dante q.b.
- pomodori al forno con olive Saclà

Per chi non ha il Bimby impastare gli ingredienti a mano, evitando solo che il sale vada direttamente a contatto con il lievito.
Per chi ha il Bimby, inserire nel boccale gli ingredienti nel seguente ordine: acqua, olio, lievito, zucchero, farine e sale. Impastare 3 minuti velocità spiga.
Far quindi lievitare un'ora in una ciotola coperta con un canovaccio, io solitamente per la lievitazione ripongo la ciotola nel forno spento.
Trascorso il tempo di lievitazione, prendere dei piccoli pezzi di impasto, formare delle palline e schiacciarle con il palmo della mano. Farle lievitare nuovamente mezz'ora su una teglia ricoperta di carta forno. A questo punto condire le pizzette. Io ne ho fatte di due tipi: margherita con passata di pomodoro condita con olio, origano e mozzarella e le altre con pezzettini di pomodori al forno e olive.
Far cuocere in forno caldo a 200° per circa 10-12 minuti, comunque fino a doratura.
Buon aperitivo!

3 commenti:

  1. ma che belli veramente!!! Niente da invidiare a quelli comprati anzi almeno questi sono genuini

    RispondiElimina
  2. Ti sono venute bellissime, soprattutto le minimargherite!

    Ciao, Ennio.

    RispondiElimina